Confcommercio Siena
Skip Navigation LinksHome > News > News Associazione > Benvenuto Sindaco ...

Benvenuto Sindaco ...

Data: 10/06/2013
| Siena
Image
E’ stata lunga, ma alla fine Siena torna ad avere un Sindaco. Chiusa la competizione elettorale, ora il Sindaco e la squadra che si sarà scelto dovranno cominciare a mettere mano alla pala per rimuovere la slavina che ha colpito la città nell’ultimo anno.

         Certo chi auspicava o si aspettava un cambiamento radicale sarà rimasto deluso. Viste però le percentuali di affluenza al voto, non c’è meraviglia per il risultato; evidentemente per molti è valsa di più una gita fuori porta che esercitare un proprio diritto (oltre tutto non era neanche una buona giornata ...).

In certe occasioni non si può non ricordare la caustica affermazione di Indro Montanelli sulla necessità di votare “anche turandosi il naso”.

Comunque, i giochi sono fatti e ora c’è da aprire un confronto con la nuova amministrazione uscita dalle urne. Sindaco, Giunta e Consiglio comunale (organo troppo sottovalutato, purtroppo, da molti) avranno molto lavoro da fare e molti sono i temi che riguardano le categorie che rappresentiamo. Solo guardando il bilancio comunale c’è da discutere della Tares e dell’imposta di soggiorno, senza dimenticare che Imu e addizionali colpiscono le imprese tanto quanto (e spesso di più) i cittadini.

Poi c’è da aprire una discussione su un po’ di regolamenti ormai usurati dagli anni e dall’evoluzione dei tempi, che hanno anch’essi riflessi sui costi delle imprese (suolo pubblico, insegna, ecc...).

E che dire poi del capitolo turismo, sulla cui importanza e incidenza sull’economia cittadina tutti i candidati senza eccezione si sono spesi come mai in passato?

La Confcommercio di Siena, per sé, non ha da chiedere nulla al nuovo Sindaco così come non ha mai chiesto nulla in campagna elettorale a nessun candidato.

Chiediamo, a nome delle centinaia di imprese che rappresentiamo in questo territorio comunale, il rispetto per il lavoro che, con mille sacrifici ed in una condizione di crisi epocale, esse portano avanti.

Rispetto non è una parola di circostanza: vuol dire attenzione, considerazione, soluzione dei problemi, confronto leale e sincero.

Questo è ciò che si chiede e ciò che ci aspettiamo. Valuteremo sui fatti e non altro l’operato dell’Amministrazione.

E, per concludere, un augurio di buon lavoro al Sindaco, al Consiglio Comunale e alla futura Giunta.