Confcommercio Siena
Skip Navigation LinksHome > News > News Associazione > Lettera aperta sulla nuova Giunta Comunale di Siena

Lettera aperta sulla nuova Giunta Comunale di Siena

Data: 24/06/2013
| Siena
Image
Prendiamo atto delle nomine del Sindaco relativamente alla nuova Giunta. Per stile e cortesia auguriamo ai neo–assessori di svolgere un buon lavoro, nell’interesse preminente della città e della sua comunità.

  Purtroppo dobbiamo rilevare, in tema di stile, che il modus operandi del Sindaco Valentini ha registrato una brusca virata di 180 gradi tra il pre ed il post elezioni.

Dall’impegno alla consultazione delle categorie, assunto nell’incontro precedente la tornata del 25 maggio, sui possibili Assessori interessati ed in modo particolare su quello al Turismo, alla proposizione di nominativi in modo secco e senza contraddittorio. Come inizio non c’è male!

Questa Associazione ha scelto, sin dall’inizio della campagna elettorale, di non legarsi a nessun carro, dando la massima disponibilità al confronto ed alla collaborazione a tutti i candidati che ce lo hanno richiesto. 

Auspicavamo, una volta eletto il nuovo Sindaco, di poter avviare un confronto serio e costruttivo perché le imprese commerciali e turistiche di Siena hanno bisogno di un’Amministrazione che funzioni, che gestisca al meglio le risorse pubbliche e che metta i privati in condizione di operare al meglio delle loro capacità e possibilità.

E confronto sarà da parte nostra, senza pregiudizi ideologici, sulle cose da fare e non sulle teorie. Un confronto non inquinato da elementi rancorosi ma che non potrà essere scevro dalla memoria.

Per questo auspichiamo a breve un confronto con il Sindaco e con l’Assessore al Turismo per definire da subito come utilizzare i proventi dell’imposta di soggiorno. Su questo misureremo anche la coerenza delle persone oltre che degli amministratori.

Così come un confronto a tempi stretti va avviato con il neo Assessore al Commercio, confidando in una sua conoscenza diretta, e non mediata, delle tante problematiche del settore che da troppo tempo attendono risposte.

L’anno commissariale che da poco si è concluso ha visto l’incapacità della politica di alzarsi dei piccoli giochi di potere che hanno grande responsabilità nella crisi che Siena sta vivendo.

Nel vuoto assoluto dei punti di riferimento, gli operatori economici hanno dato segnali importanti di volontà di non soccombere di fronte agli eventi.

Sapranno Sindaco e Giunta apprezzare e valorizzare questi segnali?

Noi saremo lì a ricordarlo ed a pungolarli.

Non abbiamo cambiali da pagare o da incassare, abbiamo (ed è molto) il diritto di chiedere una buona amministrazione ed è quello che faremo nel preminente interesse dei nostri associati e, più in generale, di tutte le imprese che operano nel comune di Siena.