Confcommercio Siena
Skip Navigation LinksHome > News > News Commercio > Prodotti agricoli e alimentari: dal 24 Ottobre contratti scritti e pagamenti certi.

Prodotti agricoli e alimentari: dal 24 Ottobre contratti scritti e pagamenti certi.

Data: 11/10/2012
| Italia
Image
Queste nuove disposizioni sono uno degli effetti del decreto Cresci Italia. Diventa obbligatorio che i contratti vengano stipulati in forma scritta e devono contenere (altrimenti sono nulli): la durata; le quantità e le caratteristiche del prodotto venduto; il prezzo; le modalità di consegna e di pagamento. CONFCOMMERCIO ORGANIZZA MERCOLEDI' 24 OTTOBRE ALLE ORE 14.30 UN SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PRESSO LA SEDE PROVINCIALE DI SIENA IN VIA DEI TERMINI 32 - PALAZZO TOLOMEI -

Sono interessati tutti gli operatori alimentaristi (dettaglianti, pubblici esercizi, grossisti, mercati ortofrutticoli, ambulanti, distributori automatici, panificatori, erboristi, etc.) nonché tutti gli altri operatori che commerciano all’ingrosso e al dettaglio prodotti agricoli diversi da quelli alimentari (sementi, animali, mangimi per animali, piante e fiori, tabacchi non lavorati etc.)e anche gli agricoltori, i produttori e le industrie di trasformazione, le centrali d’acquisto, la grande distribuzione organizzata, i grossisti, gli intermediari.

Diventa obbligatorio che i contratti vengano stipulati in forma scritta e devono contenere (altrimenti sono nulli): la durata;le quantità e le caratteristiche del prodotto venduto;il prezzo; le modalità di consegna e di pagamento.

Per i pagamenti i termini diventano tassativi e sono di 30 giorni per le merci deteriorabili e di 60 giorni per tutte le altre e decorrono dall’ultimo giorno del mese di ricevimento della fattura. Gli interessi scattano dal giorno successivo alla scadenza del termine.

Questa disposizione non si applica per i contratti con il consumatore finale; le cessioni di prodotti agricoli e alimentari istantanee, con contestuale consegna e pagamento del prezzo pattuito;le cessioni dei soci coimprenditori di cooperative agricole alle cooperative stesse;le cessioni ai soci coimprenditori delle organizzazioni di produttori alle organizzazioni stesse;le cessioni effettuate tra gli imprenditori ittici.

Restano quindi fuori dall‘applicazione della norma tutte le venditeal dettaglio al consumatore finale, inteso come persona fisica che acquista i prodotti agricoli e/o alimentari per scopi estranei alla propria attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta, nonché la somministrazione di alimenti e bevande.

Mercoledì 24 ottobre alle 14,30 Seminario di aggiornamento in Confcommercio Via dei Termini ,32 Palazzo Tolomei